caricamento

EMA, MANDELLI (FI): "COMUNIONE INTENTI RARA, ITALIA PUÒ ESSERE HUB RICERCA"


"(OMNIMILANO) Milano, 26 SET -
""Milano e l'Italia hanno i numeri e la storia per dare all'Ema, non solo una sede funzionale e prestigiosa come il Palazzo Pirelli, ma soprattutto una base solida per la garanzia di continuità e sviluppo di una delle più importanti agenzie europee.

E questo perché l'Italia è uno dei Paesi fondatori dell'Unione, e ne costituisce tutt'ora uno dei suoi assi portanti, e perché l'Italia è anche uno dei più importanti produttori farmaceutici in Europa con una consolidata attività di ricerca e innovazione nel campo della salute"".

Così il senatore di Forza Italia Andrea MANDELLI in una lettera sulla candidatura di Milano per l'Ema.

""La Lombardia, in particolare, è la prima regione italiana nel settore farmaceutico con 28.000 addetti, più altri 18.000 che lavorano nell'indotto, ed investe ogni anno 7 miliardi di euro in ricerca e innovazione.

Anche nel campo biomedicale la Lombardia, con oltre 800 imprese, 30.000 dipendenti e il 49 per cento del fatturato nazionale, è la prima regione nel settore dei dispositivi medici.

La provincia di Milano, in particolare, è l'area a maggiore concentrazione di imprese, con circa il 61 per cento delle imprese lombarde, e quasi l'80 per cento del fatturato prodotto nella regione.

Ma non basta -
prosegue MANDELLI -
.

La candidatura italiana, ieri presentata ufficialmente a Bruxelles, trova una comunione di intenti politici, culturali e sociali che raramente si è vista nella storia recente del nostro Paese.

La salute e in particolare la ricerca scientifica e farmacologica sono un campo destinato a una inarrestabile (e inevitabile) crescita.

Dobbiamo decidere se esserne co-
protagonisti o spettatori.

La sfida per portare Ema a Milano è un passaggio fondamentale per fare dell'Italia un Hub della ricerca mondiale.

Abbiamo la capacità per farlo, abbiamo l'entusiasmo per farlo, abbiamo una storia e un presente di prim'ordine da rivendicare nel campo della scienza, della medicina e della ricerca.

Abbiamo la forza e la determinazione per riuscirci? Penso e credo di sì.

Ma dobbiamo essere ancora più uniti e forti nel portarla avanti.

Governo, Parlamento, Regioni, Città.

L'Italia intera"".

red 261621 SET 17 NNNN"